Il benessere mentale è un mercato da 121 miliardi di dollari

Il Global Wellness Institute (GWI) ha pubblicato oggi il suo importante report di ricerca per il 2020: “Defining the Mental Wellness Economy”. È il primo studio a definire il benessere mentale in relazione alla salute mentale e chiarire i concetti chiave. È anche la prima ricerca a misurare il benessere mentale come industria globale per identificare e confrontare i suoi sotto-segmenti chiave.

Il rapporto approfondito (115 pagine) rileva che l’economia globale del mental wellness vale $ 120,8 miliardi, sulla base della spesa dei consumatori in quattro mercati: sensi, spazi e sonno ($ 49,5 miliardi), nutraceutici e prodotti botanici che stimolano il cervello ($ 34,8 miliardi) ,self-improvement ($ 33,6 miliardi) e meditazione e consapevolezza ($ 2,9 miliardi). Il benessere mentale diventa una nuova “bolla industriale” nel quadro dell’economia globale del benessere di GWI, catturando un insieme cruciale di attività economiche non precedentemente incluse nelle misurazioni dell’economia del benessere dell’organizzazione.

“Lo stress, la solitudine e il burnout stavano esplodendo prima della pandemia, e una maggiore attenzione al benessere mentale è stato un grande cambiamento culturale negli ultimi anni: le persone si sono risvegliate all’importanza di soluzioni integrative tra cui meditazione, sonno e salute della mente, con le aziende che si precipitano per offrire tutti i tipi di soluzioni. Ma il benessere mentale come concetto, e ciò che lo costituisce come industria, è rimasto incredibilmente confuso “, ha affermato Ophelia Yeung, ricercatrice senior del GWI. “Chiarire di cosa si tratta e delineare i suoi segmenti di business è fondamentale. E mentre la maggior parte delle strategie di benessere mentale sono gratuite, come passare del tempo nella natura o con gli amici, le persone cercano sempre più un aiuto non clinico per far fronte alle sfide mentali quotidiane, ed è qui che entra in gioco l’industria del benessere mentale “.

Katherine Johnston, ricercatrice senior del GWI, ha aggiunto: “C’è urgenza in questa ricerca: studio dopo studio mostra come la sofferenza umana e le dislocazioni economiche causate dalla pandemia hanno devastato il nostro benessere mentale. Siamo entusiasti di pubblicare questo studio perché le persone sono alla disperata ricerca di strategie alternative per far fronte, e speriamo che chiarisca quanto sia importante promuovere il benessere mentale e come le aziende, i governi e gli individui possono svolgere ruoli diversi nell’affrontare una crisi crescente. “

source: Global Wellness Institute

Definizione di benessere mentale e salute mentale

Il GWI definisce il benessere mentale come “una risorsa interna che ci aiuta a pensare, sentire, connetterci e funzionare. È un processo attivo che ci aiuta a costruire resilienza, crescere e prosperare “.

Il rapporto fornisce un paradigma completo per comprendere la differenza tra “salute mentale” e “benessere mentale”, impossibile da replicare qui. Gli autori propongono un “modello dual continuum”, in cui il benessere mentale è un processo dinamico di passaggio dal languore, alla resilienza, al fiorire. Le strategie chiave per il benessere mentale si dividono in quattro percorsi: attività e creatività; crescita e nutrimento; riposo e ringiovanimento; e connessione e significato/purpose.

L’industria del benessere mentale: cosa è incluso e perché

La ricerca è la prima a definire l’industria del benessere mentale: “Comprende le imprese il cui obiettivo principale è quello di aiutarci lungo i percorsi del benessere mentale di crescita e nutrimento, riposo e ringiovanimento”. All’interno di questi percorsi, identifica quattro settori che si uniscono per formare un mercato emergente: 1) sensi, spazi e sonno, 2) nutraceutici e botanici che stimolano il cervello, 3) miglioramento personale e 4) meditazione e consapevolezza.

L’economia del benessere mentale

Sensi, spazi e sonno: 49,5 miliardi di dollari

Il più grande settore del benessere mentale, questa categoria comprende prodotti, servizi e design che prendono di mira i nostri sensi e la connessione mente-corpo, con la crescente consapevolezza che gli stimoli ambientali hanno un impatto importante sul nostro umore, sui livelli di stress e sul sonno. Il sonno è il sottosegmento più in crescita, con una serie in continua espansione di soluzioni per l’ottimizzazione del sonno e dell’ambiente del sonno, tra cui biancheria da letto intelligente e accessori per il sonno; app per il sonno, dispositivi indossabili e tracker; e retreat di sonno e nap cafés.

Il segmento comprende il suono (terapia del suono, rumore bianco, cancellazione del rumore e musica del benessere); profumo (aromaterapia, fragranze per la casa e diffusori); touch (giocattoli e gadget antistress e coperte ponderate); e luce (dispositivi di consumo per la terapia della luce ). Comprende esperienze multisensoriali (dalle vasche di galleggiamento al forest bathing) in viaggi benessere, spa, destinazioni di fitness e intrattenimento e design e architettura sensoriali (cioè, biophilic design e illuminazione circadiana).

Nutraceutici e prodotti botanici che stimolano il cervello: 34,8 miliardi di dollari

I prodotti ingeribili con l’obiettivo specifico di migliorare la salute mentale e il benessere, inclusi integratori naturali, erbe e prodotti botanici e cibi e bevande funzionali, stanno proliferando, affermando di aumentare la salute del cervello, il sonno, la memoria e l’energia.

Self-Improvement– $ 33,6 miliardi

Questo segmento abbraccia un’ampia gamma di attività tipicamente associate al self-help e allo sviluppo personale, inclusi libri, media, video, app e piattaforme online; guru e influencer dell’auto-miglioramento; personal coach e life coach; organizzazioni che offrono lezioni, seminari e ritiri; organizzazioni di self-help e gruppi di mutuo sostegno; prodotti / servizi per il miglioramento cognitivo e brain training; e nuove organizzazioni creative, app e piattaforme online che combattono la solitudine e l’isolamento.

Meditazione e consapevolezza: 2,9 miliardi di dollari

Sebbene la meditazione e la consapevolezza siano forse gli approcci più saldamente associati al “benessere mentale”, è il mercato più piccolo (anche se in rapida crescita), perché mentre milioni di persone in tutto il mondo praticano la meditazione, solo una piccola parte spende soldi per essa.

La categoria include tutte le forme di pratica meditativa, pratiche di consapevolezza correlate (es. respirazione, immaginazione guidata, body scan, esercizi di rilassamento) e prodotti e servizi che supportano queste pratiche. Le principali categorie di spesa includono classi, insegnanti, retreats, libri e piattaforme online, con app mobili (come Calm, Headspace, Insight Timer) un enorme motore di adozione e spesa da parte dei consumatori. Esiste un mercato in crescita per gli accessori per la meditazione (p. Es., Cuscini, perline, carillon) e prodotti per la consapevolezza (p. Es., Riviste, libri da colorare), così come una gamma in rapida crescita di gadget, tracker e monitor collegati per supportare la meditazione (p. Es. cerchietti, occhiali, sensori indossabili, lampade), molti dei quali si basano su tecnologie di biofeedback, neurofeedback e realtà virtuale.

L’analisi di ciascuno di questi quattro mercati include il contesto storico e l’evoluzione moderna dello spazio, le aziende chiave e gli innovatori del mercato, i modelli di business e gli sviluppi da tenere d’occhio.

Il Global Wellness Institute(GWI), un’organizzazione no profit, è considerata la principale risorsa di ricerca e formazione globale per l’industria del benessere globale . GWI ha un impatto positivo sulla salute e sul benessere globale educando le istituzioni pubbliche, le imprese e gli individui su come possono lavorare per prevenire le malattie, ridurre lo stress e migliorare la qualità della vita complessiva. La sua missione è potenziare il benessere in tutto il mondo.

Photo by Dominik Martin on Unsplash

Lascia un commento