[Guida Gratuita] 10 consigli per vivere una vita più sana e felice con la tecnologia

Come trovare l’equilibrio tra creatività e produttività in un mondo noioso da remoto

Sono le 17:00 e spunta l’ultimo compito della giornata. Mi allungo sulla sedia della cucina, soddisfatto dei miei progressi. In questo ultimo anno io e il mio team abbiamo dimostrato che il lavoro a distanza può essere produttivo. Tuttavia, mi sento a corto di energia. Questo mi lascia perplesso: il successo di solito mi dà energia. Guardo il mio elenco di attività in sospeso finché non raggiungo “Scrivi un post sul blog” e “Pianifica nuovo meeting”. È allora che mi colpisce: mi sento a corto di energia perché mi manca la scintilla creativa.

La mia produttività va bene, ma con la diminuzione delle interazioni sociali, aumento degli eventi online e lunghissime chat informali, la scintilla della creatività è scomparsa. Non sono solo io ad avere questa sensazione. Direi che è uno dei motivi principali per cui questa situazione sta diminuendo anche l’engagement sul luogo del lavoro. Quindi mi chiedo: come possiamo riaccendere la creatività e l’energia in un mondo che ci vede e vedrà protagonisti da remoto e che oggi risulta un pò noioso e monotono?

L’ideale della produttività umana

La nostra società dai ritmi 24/7 è orgogliosa dell’efficienza: vogliamo di più, più velocemente. Leggiamo velocemente, impariamo velocemente. C’è multitasking, sviluppo rapido e ricompense rapide. Ammiriamo Tim Ferriss che può fare qualsiasi cosa in 4 ore. Questo ideale di produttività umana ha le sue radici nell’era industriale. Con lo sviluppo delle fabbriche nel ventunesimo secolo, ingegneri e dirigenti iniziarono a massimizzare la produzione interferendo con gli input: macchine e materie prime.

Con concetti come “produttività”, “programmi” e “elaborazione parallela”, il mondo industriale è fiorito. Questo ideale di produttività è stato poi esteso dalle macchine agli esseri umani. Abbiamo concetti come “gestione del tempo”, “elenchi di attività”, “flussi di lavoro”, “multitasking”. Contesto diverso, stesse idee. E per molto tempo la produttività è stata anche la metrica principale del lavoro del “nuovo lavoratore” detto anche knowledge worker.

La produttività era la più grande preoccupazione un anno fa quando si verificarono i blocchi a causa del Covid. Le aziende di tutto il mondo, molte delle quali fortemente contrarie al lavoro a distanza in passato, temevano che la produttività sarebbe precipitata senza una supervisione manageriale. I dubbiosi si sbagliavano: il lavoro a distanza non ha distrutto la produttività. In effetti, meno tempo speso per il pendolarismo e il viaggio, significava più tempo speso a lavorare, e in uno studio di Harvard il numero di ore lavorate è addirittura aumentato del 10-20% durante la pandemia .

La “prigione della produttività”

L’ho sempre amata, la produttività. Hai presente quella sensazione quando spunti un’attività dalla tua lista di cose da fare? Quel senso di realizzazione, di controllo? Adoro quella sensazione. Lo ammetto, a volte aggiungo cose che ho già fatto alla mia lista, per la mera soddisfazione di spuntarla. Ma sono anche prigioniero della mia produttività. Più il mio cervello si blocca in modalità produttività, meno si avventura in strade inesplorate e creative. Più lavoro oggi, meno mi fermo a pensare domani. Non fraintendetemi: spesso è bene concentrarsi sul portare a termine le cose, ma nel tempo diminuisce la probabilità di innovazione istantanea.

Nell’ultimo anno, questa “prigione della produttività” è diventata più evidente per me. Nicholas Bloom, professore di economia alla Stanford University, afferma che quando i leader aziendali si avvicinano a lui per discutere della sua ricerca sul lavoro a distanza e sulla produttività, la produttività in sé non è il problema più grande, ma la creatività .

Per sentirsi eccitati al lavoro e nella vita, non è sufficiente avere (solamente) la metrica della produttività, abbiamo anche bisogno della creatività.

Gli svantaggi della prolungata pandemia stanno ora iniziando a manifestarsi ora all’interno dei team di lavoro. In uno studio di oltre 750 lavoratori della conoscenza finlandesi , le metriche sul burnout e sulla noia sul lavoro sono aumentate costantemente durante la pandemia. È interessante notare che le sensazioni di flusso sul lavoro sono migliorate quando è iniziata la pandemia, ma ora hanno preso una brusca flessione leggermente inferiore ai livelli pre-pandemici. In breve, ora stiamo peggio su quasi tutte le metriche.

La produttività non è morta. Ma l’ideale di produttività è come un residuo di un’ era diversa, che non si adatta perfettamente al lavoro moderno. Per sentirsi eccitati al lavoro e nella vita, non è sufficiente avere (solamente) la metrica della produttività, abbiamo anche bisogno della creatività.

Cos’è la creatività? Idee fresche e focus.

Personalmente, ho fatto dell’equilibrio tra produttività e creatività il mio tema per il 2021. Non immagino che accadrà come un improvviso fulmine a ciel sereno. Piuttosto, proverò cose diverse (che condividerò) e sono sicuro che entro la fine dell’anno, avrò almeno acceso una serie di barlumi creativi.

Allora cos’è la creatività? Anna Abraham, autrice di “The Neuroscience of Creativity” afferma che la creatività ha due elementi centrali . In primo luogo, la creatività è “la nostra capacità di generare idee originali, insolite o nuove”. In secondo luogo, queste idee devono essere appropriate al contesto. Teresa Amabile, professoressa della Harvard Business School, dice che “l’adeguatezza” può essere complicata : “In fisica, un’idea non può essere considerata creativa se non funziona. Ma in altri ambiti, ad esempio le arti, essere adeguata è una cosa completamente diversa “.

Privi di stimoli sensoriali, siamo anche privati ​​dell’essenza stessa della creatività: idee e connessioni casuali.

La più grande sfida è: generare nuove idee. Normalmente, solo vivere in una grande città promuove la creatività perché “lo stretto contatto con altri esseri umani genera nuove idee”. Bummer. Probabilmente non sono il solo a trovare poche idee fresche nel mio tragitto giornaliero tra la mia camera da letto e il tavolo dello studio. Nessun incontro casuale, nessuna chiacchierata informale, nessuna nuova gente e modi limitati di ricreare virtualmente la ricca esperienza sensoriale di entrare in un posto nuovo ed essere colpiti da suoni, odori, colori, atmosfera. Privi di stimoli sensoriali, siamo anche privati ​​dell’essenza stessa della creatività: idee e connessioni casuali.

Sebbene la creatività possa fiorire in solitudine, non fiorisce in 5 minuti di pausa tra una video call e l’altra.

Ma la creatività non è solo generazione di idee, è anche sviluppo di idee. Alf Rehn, professore di innovazione, afferma: “La creatività è un attento equilibrio tra generare un’idea e lavorarci su, un equilibrio tra lavorare insieme e da soli” . Ecco perché, quando si sono verificati i primi blocchi, un forte affermazione è stata: “Il blocco potrebbe rivelarsi uno dei momenti più creativi per l’umanità” . Ironia della sorte, non è più così. 

La seconda sfida: con poche pause naturali durante la giornata lavorativa, diventa facile rincorrete un lungo treno di riunioni su Teams o su Zoom. Mentre la creatività può fiorire in solitudine, non fiorisce in 5 minuti di pausa tra una video call e l’altra.

Trovare l’equilibrio tra produttività e creatività

Quindi, se la creatività è la capacità di generare nuove idee e concentrarsi per lavorare su quelle idee, cosa si può fare oggi, nonostante i blocchi? Ecco sei idee da cui parto:

1. Riconnettiti con vecchie conoscenze – Le nuove persone sono una grande fonte di materia prima creativa, specialmente quelle con una prospettiva leggermente diversa. Quindi mi ricollego con vecchi conoscenti con un’agenda aperta (niente discorsi di lavoro, niente discorsi con i bambini, per favore) – Recentemente ho passato ore felici parlare di filosofia, di lettura e di tecniche di sceneggiatura.

2. “Discussione aperta” come nuovo format di meeting – Abbiamo introdotto un nuovo tipo di riunione al lavoro: Discussione aperta. Le discussioni sono forum a flusso libero per argomenti importanti e non urgenti, ma sopratutto per “conoscerci” sotto un’altra veste. L’argomento potrebbe non essere (ancora) ben strutturato e quindi le discussioni non hanno un’agenda fissa o punti d’azione. L’importante è iniziare la discussione, generare idee e vedere dove porta.

3. Blocca il tempo per il lavoro profondo – Per evitare la morte della creatività nella mia casella di posta elettronica, ho prenotato blocchi ricorrenti nel mio calendar per un lavoro focus: lunedì mattina, giovedì mattina e venerdì mattina. Niente riunioni, niente e-mail, niente Trello/Slack. Mentre tutti gli altri miei meeting sono blu, questi sono verdi – solo l’idea di impostare il colore verde tende ad essere un “calmante” per nostra mente che va troppo spesso di corsa.

4. Pause di allenamento – Pomodoro – Usare la tecnica del pomodoro, oppure pause programmate per mini sessioni di allenamento. Allenamenti brevi, ad alta intensità, quante più ripetizioni possibili, programmati alla perfezione. Il cervello si riposa, stacca, recupera e la dipendenza dalla produttività non viene sprecata.

5. Scrittura libera di 10 minuti – Questa è una pratica brillante che ho intrapreso di recente: spegni tutte le distrazioni, apri un nuovo file Word, imposta un allarme per 10 minuti e inizia a scrivere facendo attenzione a non fare nessuna modifica, nessun giudizio. Questo mi dà un’ energia pazzesca ed è sorprendente quanto si possa mettere su carta in soli 600 secondi.

6. Abbraccia il disagio di essere improduttivo– Questo è il più difficile per noi esseri umani che negli ultimi 10 anni si sono ripetuti il mantra ” chi si ferma è perduto”. Mentre la produttività dà soddisfazione immediata, la creatività è l’opposto. La creatività è spesso, al momento, scomoda, dolorosa, improduttiva, tortuosa e spesso inutile. Quella sensazione di fissare una pagina pensando “questo è inutile”, è straziante. Quindi la sfida più grande non è il lavoro in sé, ma accettare il disagio di essere “improduttivi”. 

Perché so che sebbene non tutte le sessioni di lavoro profondo si traducano in brillantezza, aprire la porta alla creatività e alzarsi costantemente è l’unico modo per attirare quei piccoli barlumi creativi. E con quella scintilla ritrovata, si può sperare di riaccendere l’energia presente in noi umani per desiderare e cercare la novità, come una risorsa scarsa, preziosa, e che non possiamo permetterci di perdere in un mondo remoto.

Photo by dragonimages

Lascia un commento