[Guida Gratuita] 10 consigli per vivere una vita più sana e felice con la tecnologia

Mettersi a dieta di informazioni: come fare e perché ne abbiamo bisogno

Nonostante sia importante rimanere informati, troppe informazioni possono diventare confuse, ansiogene e controproducenti. Nello stesso modo in cui si cerca di mangiare sano per migliorare la propria salute fisica, seguire una dieta informativa è un modo per controllare ciò che si consuma per prendersi cura della propria salute mentale.

Non è la stessa cosa di un digital digitale totale, dove l’obiettivo è quello di disconnettersi completamente. Invece, si tratta di progettare le tue abitudini e modellare il tuo ambiente in modo da consumare informazioni in modo consapevole.

Interrompere la dipendenza da informazioni

L’informazione è una droga. Da una prospettiva evolutiva, ha senso: più informazioni avevano i nostri antenati, più probabilità avevano di sopravvivere. Ma questa è la prima volta nella storia che gli esseri umani sono stati esposti a un flusso così costante di informazioni. E nello stesso modo in cui la sovrabbondanza di cibi ipercalorici ha portato all’obesità, questo nuovo sovraccarico di informazioni incoraggia il consumo eccessivo.

Non cerchiamo più solo informazioni rilevanti per aumentare le nostre possibilità di sopravvivenza. Siamo dipendenti dalle informazioni. Cadiamo in tane di coniglio infinite, scorriamo i nostri feed in modalità “cervello spento”, guardiamo video dopo video cliccando sui link consigliati dagli algoritmi. Abbiamo perso il controllo sui contenuti che consumiamo.

“Nel mondo di Internet, abbiamo un accesso quasi universale a tutto ciò di cui abbiamo bisogno. E questo significa che dobbiamo prendere decisioni responsabili e informate su ciò che stiamo consumando”, dice Clay Johnson, autore di The Information Diet: A case for conscious consumption”.

Come iniziare una dieta dell’informazione

Un approccio consapevole al consumo di contenuti non riguarda solo la quantità, ma anche la qualità. Può sembrare ovvio, ma un paio di saggi ben studiati sono spesso meglio di una dozzina di brevi articoli tipo Buzzfeed.

Avete mai sentito parlare della dieta di Michael Pollan? “Mangia cibo. Non troppo. Per lo più piante”. Quando si tratta di informazione, l’equivalente sarebbe “Cerca. Non troppo. Per lo più fatti”. Come dice Clay Johnson: “Mangia in basso nella catena alimentare dell’informazione, e attieniti alle fonti”.

Non c’è bisogno di diventare un monaco per seguire una dieta informativa. Ci sono semplici passi che potete fare e che vi renderanno più facile consumare solo le informazioni di cui avete bisogno, senza fare troppo affidamento sulla vostra forza di volontà.

Cura la tua casella di posta

C’è un motivo per cui le newsletter stanno tornando in auge. Rappresentano un modo più consapevole e personale per ottenere le informazioni che vuoi, direttamente nella tua casella di posta (a proposito, dovresti assolutamente iscriverti alla mia newsletter). Ma iscriversi a molte newsletter può diventare rapidamente un casino. Assicurati di impostare dei filtri. Se vuoi fare un ulteriore passo avanti, prova un’app come Leave Me Alone per disiscriverti dalle email indesiderate, o Sanebox per un controllo ancora più granulare sulla tua casella di posta, entrambe sono estremamente rispettose della privacy dei loro utenti.

Apparecchia il tavolo

Passi molto tempo sul tuo computer? Modella il tuo ambiente per assicurarti di non essere eccessivamente tentato di abbuffarti di informazioni inutili. Installa qualcosa come RescueTime per capire dove va il tuoo tempo ogni giorno e per ridurre le distrazioni. Modifica le impostazioni di Facebook, Twitter e altri social media per ridurre il numero di notifiche.

Aggiungi più cibi offline al tuo menu di contenuti

Un ottimo modo per essere consapevole dei contenuti che consumi è quello di aumentare i tuo livelli di “cibi offline” – contenuti che puoi consumare lontano da uno schermo e che puoi acquistare o scaricare in anticipo, costringendoti a prendere decisioni su ciò che consumerai in seguito invece di cadere in preda alla curiosità del momento. I cibi offline includono libri, ma anche podcast.

Programma il tuo consumo di contenuti

Per riprendere il controllo, è incredibilmente efficace bloccare degli slot di tempo per leggere cose online. Se stai davvero lottando con la dipendenza dalle informazioni, puoi anche mettere un timer. Questo ti costringerà a dare priorità alle informazioni che contano davvero.
Qualsiasi strategia tu decida di attuare per seguire una dieta informativa, è importante capire cosa funziona e cosa no. Pratica la metacognizione tenendo un diario – che ha molti benefici dimostrati scientificamente – o almeno prendendoti del tempo per riflettere.

E ogni volta che stai leggendo o guardando qualcosa, poniti alcune domande.

Perché lo sto leggendo/guardando? Mi sta fornendo un valore? È il miglior uso del mio tempo?

A volte, la risposta sarà: “Lo sto guardando perché è divertente, e ho bisogno di rilassarmi, quindi questo è il miglior uso del mio tempo”. E questo va benissimo. Ma altre volte, ti renderai conto che stai solo sprecando il tuo tempo e faresti meglio a leggere, guardare o fare qualcos’altro. L’informazione è uno strumento, devi solo essere consapevole di come la usi.

Continui ad essere distratto? Scopri la nostra guida gratuita con 10 unici consigli per programmare una giornata a prova di distrazione! Scaricala >> QUI!

Photo by drobotdean on freepik

Lascia un commento